Quando il carcere diventa un vivaio

L’ingresso è quasi libero, nel senso che si entra solamente scortati da un volontario del vivaio che dalla sala d’attesa dove aspettano anche i parenti dei detenuti vi porterà attraverso cancelli e porte blindate fino al di là del muro di recinzione del penitenziario in un’inaspettata oasi verde dove si coltivano erbacee, graminacee e rose, anche molto insolite. Per entrare è necessario presentarsi in portineria muniti di carta d’identità, altrimenti non si passa, e senza cellulare (che sollievo!) perché in carcere non è ammesso, così come è vietato portare ragazzi sotto i 18 anni, animali e macchine fotografiche (l’immagine viene dalla pagina Facebook). Insomma, non pensate di andare a fare una scampagnata nel verde, perché il regolamento è ferreo. Ma una volta entrati… che bella sorpresa!

Si chiama Cascina Bollate ed è il vivaio aperto dieci anni fa dentro la casa di reclusione di Bollate (posto all’avanguardia, c’è anche un ristorante e si chiama In galera) dove una squadra di giardinieri (liberi e detenuti) guidata da Susanna Magistretti coltiva 60mila piante di 600 specie diverse in un ettaro di terreno e due serre allestite in uno dei cortili del penitenziario, quello su cui si affacciano le finestre dei reparti maschili. Un progetto iniziato nel 2007 per insegnare un mestiere a chi sta scontando una pena e che negli anni è cresciuto a tal punto da diventare un riferimento per il verde cittadino, con corsi di giardinaggio (per liberi cittadini), visite guidate e vendita aperta al pubblico due pomeriggi la settimana.

In vista della bella stagione, quando finalmente voi pollici verdi rianimerete i vostri balconi, è un indirizzo da conoscere: si fanno ottimi acquisti sostenendo un progetto che aiuta chi è rimasto indietro ed è una vera pausa dalla frenesia della città. Per il negozio interno bisogna aspettare ancora un paio di settimane, ma da marzo parte l’orario estivo (mercoledì e venerdì dalle 14 alle 17.30, via Cristina Belgioioso 120). Sabato 3 marzo c’è il corso di potatura delle rose. Le informazioni e le regole per entrare le trovate sul sito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...