Il mio sushi preferito

Dovrei mettere anche Yuzu nella lista del comfort food perché una cena preparata dalla chef Yoko non è solamente buona, è un balsamo per l’anima, una carezza alla fine di una brutta giornata, una carica di buon umore quando le pile sono a terra, un’occasione di festa quando c’è qualcosa da celebrare. Da quando la moda del sushi ha dilagato riempiendo la città di posti buonissimi e, ahimè, anche di mediocri “all you can eat” il più delle volte gestiti da cinesi, gli amanti del sushi hanno iniziato a giocare al “miglior giapponese della città è…”: ognuno ha il suo, più o meno caro, originale, alla moda. Io non ho dubbi: da anni il mio preferito è Yuzu, via Lazzaro Papi 21, un indirizzo del cuore oltre che del palato, dove si mangia e si sta bene, a un cifra in linea con i ristoranti di pesce (50 euro a persona).

L’ho scoperto mentre scrivevo la mia prima guida dei ristoranti di Milano, anni fa. Ai tempi era ancora minuscolo, una quindicina di posti a sedere al massimo, ed era davvero un posto speciale. Frequentato da habitué appassionati della cucina giapponese, discreto, quasi invisibile dalla strada, insomma un indirizzo per intenditori cui interessava poco la mondanità, molto la qualità. Mi sono affezionata subito. Trovare un tavolo non era facile, ma comunque possibile. In un paio d’anni, investito da un successo meritato, ha finito per allargarsi, i posti a sedere da 15 sono saliti a 40, comunque pochi, mantenendo miracolosamente l’atmosfera intima e discreta degli inizi. Forse anche grazie alla totale assenza di attività on line e social (non hanno nemmeno un sito internet).

Al bancone del sushi c’è una donna, Yoko, vera eccezione nel genere, affiancata da un paio di assistenti che sfilettano il pesce davanti ai clienti. E dalla cucina escono piatti caldi per niente banali, ottima alternativa ai soliti sushi e sashimi (che comunque sono ottimi!). Io, che sono un’abitudinaria in tutto, soprattutto nel cibo, mangio sempre le stesse cose: il carpaccio di ricciola con salsa yuzu (divino), i maki con la guarnizione di cinque pesci diversi (nella foto), il sushi misto (anche take away non è male), la zuppa con i gamberi e il tataki di tonno. Da provare.

Yuzu, via Lazzaro Papi 21.

2 Replies to “Il mio sushi preferito”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...